novità, eventi, fiere ed aggiornamenti

Indietro

Acqua e sport

Acqua e sport

Come è noto l’attività sportiva si contraddistingue per l’energia fisica prodotta con la contrazione muscolare. Oltre alla dipendenza dai carboidrati accumulati con l’alimentazione, per la fisiologica realizzazione di una performance è decisiva la correlazione con la perdita di acqua tramite la sudorazione per ovviare al surriscaldamento corporeo dovuto all’energia termica liberata durante lo sforzo fisico (si calcola che si liberino circa 1,5 litri di sudore all’ora).
L’emissione di vapore acqueo che tende a ridurre la temperatura raggiunge il suo scopo ma porta a disidratazione e il complesso meccanismo biochimico della contrazione facilita la formazione di glicidi metabolizzati ad acido lattico contribuendo insieme alla disidratazione ad alimentare il senso di fatica e a bloccare la capacità muscolare.

Il recupero è possibile non soltanto con il reintegro delle perdite di liquido ma anche di minerali ricorrendo ai sali minerali e ad un’acqua minerale che li contenga in misura ottimale realizzando così il doppio obbiettivo.
Esistono generali e precise raccomandazione da più parti, anche dall’ACSM (American College of Sports Medicine), sull’uso di un’acqua a buona mineralizzazione, soprattutto di sodio. La quantità di acqua da introdurre varia naturalmente a seconda della durata e intensità dello sforzo e delle condizioni ambientali. Comunque in linea generale l’ACSM raccomanda di assumere circa mezzo litro già due ore prima dell’attività, circa un quarto di litro ogni 15’ durante e fino a due ore dopo. La quantità/ora non dovrebbe mai andare oltre i 1,2 litri e complessivamente superare il volume della sudorazione.
Sono corsa, tennis, scherma, ciclismo, pallacanestro gli sports di tutti i giorni che comportano tanta sudorazione e l’obbligo di bere. Ma pochi sanno che si perde molta acqua anche negli sports invernali perché l’aria fredda è meno umida della calda e si elimina un maggior volume di liquido attraverso le vie respiratorie e per il freddo che provoca una diuresi più frequente. Persino nel nuoto il consumo di acqua è alto sempre per la maggior quantità di urine emesse.
Una leggera disidratazione, con una diminuzione del 4-5% dell’acqua extracellulare (ECW), può provocare considerevoli cali della performance sportiva, arrivando fino al 20-30% in meno di efficienza fisica.
Se le cellule muscolari non hanno sufficiente idratazione, l’acqua viene sottratta al sangue, provocando un abbassamento della pressione arteriosa ed un aumento dello stress cardiaco, oltre che uno stato di stanchezza che incide sulla performance sportiva.
Quando lo stato di idratazione extracellulare pre-gara o pre-allenamento è ottimale (circa 45%) esiste un rischio minore di disidratazione, di eventi traumatici muscolari e una maggiore velocità di recupero delle condizioni fisiche ottimali. È chiaro, pertanto, che la principale integrazione di cui hanno bisogno gli atleti è quella idrica e ciò vale tanto per gli sportivi professionisti che per quelli amatoriali.
Per conoscere la composizione corporea dello sportivo ed agire per mantenere un corretto stato di idratazione e della massa muscolare, allo scopo di migliorare le sue condizioni generali e le performance atletiche è necessario utilizzare l’analisi bioimpedenziometrica, una delle metodiche più precise, veloci e meno invasive per valutare lo stato nutrizionale del soggetto. Le misurazioni bioimpedenziometriche, sono fondamentali per calibrare l’allenamento e l’alimentazione per portare l’atleta in condizioni ideali. In tale ambito seca ha sviluppato una tecnologia avanzata e precisa per la misurazione della composizione corporea - gli analizzatori medicali della composizione corporea seca mBCA in grado di effettuare un’analisi multifrequenziale e di discriminare i liquidi corporei in maniera accurata utilizzando una frequenza bassa a 5 kHz per esplorare il compartimento extracellulare e una frequenza a 50 kHz per vincere la resistenza offerta dal compartimento intracellulare. L’accuratezza delle misurazioni è dimostrata da una correlazione del 98% per l’acqua corporea totale rispetto alla diluizione D2O e da una correlazione del 95% per l’acqua extracellulare rispetto alla diluizione NaBr.



Le misurazioni bioimpedenziometriche - valori di Resistenza (R) e Reattanza (Xc) - sono presentate non solo in valore assoluto (in Ω), ma anche in un sistema a 4 quadranti utilizzando l’analisi vettoriale:



L’analisi vettoriale presentata da seca ha prevalentemente due finalità:
- valutative (condizione di forma dell’atleta, monitoraggio dell’anabolismo muscolare e della supercompensazione durante la fase di preparazione, risposta al carico di lavoro, gestione del recupero);
- preventive (insorgenza di fatica, disidratazione, prevenzioni di infortuni).


Per maggiori informazioni inerenti ai nostri analizzatori medicali della composizione corporea seca mBCA vi invitiamo a visualizzare la brochure dei dispositivi offerti cliccando i seguenti link:

http://www.intermeditalia.it/files/download/seca_mbca_515_3.pdf

http://www.intermeditalia.it/files/download/seca525_2.pdf
In ottemperanza alle linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013 in materia di pubblicità verso il pubblico, tutte le informazioni contenute in questo sito relative a dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medico-chirurgici sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali del settore e non hanno natura pubblicitaria.
Realizzazione e gestione tecnica del sito a cura di
iprov.com Iprov.com
Grafica, design e comunicazione
cosmobile.net Cosmobile.net
Sviluppo e gestione dati